Giochi ambientali

Giochi ambientali



Giochi ecologici per bambini


La formazione della sfera emotiva e sensoriale dei bambini è una delle direzioni chiave dell’educazione ambientale. Sviluppare in loro un senso di simpatia e rispetto per il mondo che li circonda e le creature che lo abitano contribuisce al rafforzamento delle conoscenze fondamentali sulla natura.

Esistono diversi principi della cosiddetta ecologia del gioco:

  • racconta ai bambini non solo i nudi fatti sulla natura, condividi con loro i tuoi sentimenti che tu stesso provi;
  • osserva di più e non interferire con questo processo con conversazioni di “formazione”. Puoi dare le spiegazioni necessarie in seguito, l’esperienza dell’interazione diretta con la natura viene ricordata in modo molto più vivido;
  • focalizzare l’attenzione del bambino su ciò che può essere interessante per lui, ed educarlo gradualmente ad essere osservatore;
  • Mantieni un’atmosfera gioiosa durante le tue attività e i tuoi giochi. I bambini sono naturalmente attratti dalla conoscenza quando sentono il tuo interesse ed entusiasmo.

Gioco della catena alimentare

11 persone partecipano al gioco:

Sole (1),

erba (6),

Topi (3)

Volpe – (1).

Il sole prende un piatto di biscotti – “energia” (12 pezzi) e lo passa all’erba. Ogni filo d’erba riceve due biscotti, uno dei quali mangia e l’altro dà lungo la catena ai Topi. Questi ultimi ricevono da Grassy due biscotti ciascuno, uno dei quali mangiano, e l’altro lo passano alla Volpe. In modo simile, l’ultimo bambino Fox riceve energia da tre biscotti. La volpe spende una quota e trasferisce il resto a chi può mangiarlo.



Esperimento “Quanta acqua sulla Terra”

Per l’esperimento, avrai bisogno di una lattina d’acqua con un volume di tre litri: questa è tutta l’acqua che si trova sul pianeta. Chiedi ai giocatori di nominare tutti i corpi idrici che esistono sulla Terra. Dopodiché, versa l’acqua da una lattina in un bicchiere (200 ml) – ora questa è tutta acqua dolce sul pianeta. Usa una pipetta per attingere acqua da un bicchiere e aggiungine tre gocce. Dì che ora hai perso tutta l’acqua immagazzinata nei fiumi, nei laghi e nelle paludi di tutto il mondo.

Gioco “In un regno”

Posiziona le carte che rappresentano i tre Regni della fauna selvatica: piante, animali e funghi in diverse parti del sito. Dai ai partecipanti al gioco le carte raffiguranti diverse creature viventi e dì loro che dopo una frase speciale che dice il presentatore, si trasformeranno in residenti di questi Regni.

Dopo le parole del presentatore: “In un certo regno, in un certo stato, c’erano creature meravigliose”, – ogni partecipante diventa la creatura con cui ha una carta. I funghi si accovacciano e stringono i palmi delle mani sulla testa. Le piante stanno ferme e oscillano da una parte all’altra. Gli animali si muovono intorno al sito e producono suoni caratteristici di loro. Quando il leader pronuncia la seconda frase: “Uno, due, tre – corri al tuo Regno”, i partecipanti si disperdono nei corrispondenti Regni viventi. Controlla se ogni partecipante ha scelto il posto giusto e, se necessario, pronuncia errori.



Gioco “Web of Life”

I giocatori si dispongono in cerchio e iniziano a svolgere la palla. Allo stesso tempo, ognuno lascia in mano una parte della corda. Durante questo periodo, il facilitatore crea l’ecosistema, dando a ciascuno dei giocatori i nomi dei componenti dell’ecosistema. I giocatori si piegano all’indietro in modo che la corda sia leggermente tesa. Dopo aver creato l’ecosistema, il presentatore racconta una leggenda: per esempio, che ci sarà costruzione (o altro intervento umano) in questo luogo. Con il progredire della storia, alcuni dei componenti del sistema muoiono e rilasciano la corda. Di conseguenza, le connessioni tra i partecipanti sono indebolite, così come le connessioni ecologiche nell’ecosistema reale.

Gioco “Segnali di pericolo”

I partecipanti al gioco hanno il compito di inventare e disegnare diversi segni che possono essere installati nella foresta o lungo il fiume, nel parco o per le strade. I cartelli devono avere un carattere di avvertimento o di divieto. Dovrebbero anche concentrarsi sulla protezione dei diritti degli animali, delle piante o dell’ambiente. Dobbiamo cercare di renderli tali che non solo portino alcune informazioni, ma abbiano anche un impatto emotivo su una persona.

L’esercizio è finalizzato a sviluppare la comprensione degli interessi e dei bisogni degli esseri viventi, nonché ad analizzare il proprio comportamento in relazione ad essi. Alla fine, i partecipanti possono raccontare come si sono sentiti certi segni disegnati.



Gioco “Poiana e topi”

Attraverso questo gioco, ai partecipanti vengono illustrati fenomeni come la competizione intraspecifica, l’interazione di un predatore e una preda, nonché le conseguenze dell’impatto antropico sulla natura. Il presentatore avrà bisogno di una scatola di fiammiferi, alcuni dei quali saranno segnati e col gesso. Il gioco può essere giocato sia all’interno che all’esterno.

Nella prima fase, due persone vengono selezionate dal gruppo di partecipanti, che saranno i Predatori. I restanti bambini interpreteranno i ruoli di Field Mice. Successivamente, viene disegnato sul terreno un cerchio di grande diametro, che sarà il Campo. All’interno di questo cerchio, i fiammiferi sono sparsi, che sono Spighette. Intorno al Campo, ogni Topo segna la propria Tana. Il compito è portare quante più Spikelets possibile nella tua Tana. Tuttavia, puoi portare solo una Spikelet alla volta.

Il compito dei predatori è quello di cacciare i topi. Tuttavia, possono catturare solo un Topo in movimento all’interno del Campo. Se il mouse si blocca all’interno del cerchio, non può essere afferrato. Le poiane portano la loro preda al loro nido.

Il gioco termina quando uno o due Topi rimangono in campo.

Dopo il completamento, il presentatore riassume i risultati: quale dei Predator ha avuto il maggior successo (in termini di numero di prede), quale Topo è il più agile, cioè quello che non è stato catturato, e le conseguenze dell’attività antropogenica anche l’impatto. I fiammiferi contrassegnati indicavano piante avvelenate da pesticidi. I topi che hanno mangiato tali Spighette durante il gioco sono stati influenzati negativamente da sostanze nocive, che hanno colpito la loro prole. Lo stesso vale per i predatori che hanno mangiato questi topi.

“Codice ambientale degli abitanti della Terra”

La stesura di un codice può aiutare a modellare la prospettiva ambientale dei partecipanti alla stesura, oltre a migliorare l’interazione con il mondo esterno.

I partecipanti al gioco sono invitati a fare brainstorming e sviluppare insieme un codice ambientale degli abitanti del pianeta. Nella prima fase vengono registrate tutte le proposte, anche se alcune sembrano meno riuscite di altre. Successivamente, nella seconda fase, i partecipanti valutano ciascuno dei punti, li costruiscono in un ordine accettabile per tutti e finalizzano la formulazione. Nella terza fase, il Codice risultante viene sottoposto a una discussione generale e, se necessario, integrato.

Questo esercizio è ottimo per completare un ciclo di gioco.