Cosa mangiano i napoletani per la festa dei sette pesci?

Guida di viaggio

La Festa dei sette pesci (Festa dei sette pesci) è una tradizione della vigilia di Natale italo-americana che risale ai primi del 1900. L’usanza è un adattamento della vigilia (“la vigilia” o “la veglia”), una celebrazione della vigilia di Natale in tutta Italia. Molti italiani tradizionalmente si astengono dalla carne la vigilia di Natale e le vigilie di altre festività cristiane. Questo tipo di digiuno parziale è stato richiesto per secoli ai cattolici romani. Per soddisfare il requisito, coloro che celebrano la vigilia mangiano piatti leggeri con pasta, zuppe, pesce e frutti di mare per i loro pasti della vigilia di Natale. Oggi la festa è celebrata dagli italoamericani e in alcune parti dell’Italia meridionale e della Sicilia che abbondano di pesce. Il numero sette ha un significato religioso e si crede che sia un riferimento ai sette sacramenti della chiesa cattolica romana. Alcuni studiosi ritengono anche che possa essere un riferimento ai sette colli di Roma.

La tradizione del banchetto dei sette pesci:

La festa è un momento in cui le famiglie si riuniscono e si godono la reciproca compagnia. Mentre alcune famiglie possono includere sette piatti di pesce, otto, nove o anche 18 piatti possono far parte di questa tradizione italo-americana. I tipi di pesce che vengono serviti dipendono dalla disponibilità e dalle usanze sia familiari che regionali. In genere vengono serviti zuppa di pesce, pesce fritto e pesce salato. Il baccalà, un baccalà secco, è spesso considerato il fulcro di questa festa.

Cosa mangiano i napoletani per la festa dei sette pesci?

Napoli (Napoli) è una delle città del sud Italia dove si celebra la festa. I napoletani apprezzano il pesce tutto l’anno e hanno più di 365 ricette tradizionali solo per il loro amato baccalà (merluzzo essiccato e salato). Diversi piatti di pesce sono in mostra alla tavola del Natale napoletano. Il piatto principale è solitamente una ricetta classica napoletana, il baccalà alla napoletana. Questo piatto utilizza olive, prezzemolo, capperi e pomodori per esaltare il sapore del baccalà. Un altro piatto consumato per la festa napoletana è il Capitone fritto (anguilla fritta). Notevole per il suo sapore carnoso, è stato apprezzato dagli italiani in questa regione per migliaia di anni. Le acciughe sono particolarmente amate a Napoli e compaiono in diversi piatti tradizionali che potrebbero essere serviti durante la festa di Natale. Ad esempio, le alici marinate (acciughe marinate) sono acciughe crude con una marinata di succo di limone condite con olio d’oliva, prezzemolo e aglio. Alici dorate e fritte sono acciughe fritte senza lische. Altri piatti della Festa dei Sette Pesci a Napoli sono i primi piatti. Due specialità standard sono gli spaghetti alle vongole (spaghetti alle vongole), che è un piatto preferito durante tutto l’anno, e la pasta aglio e olio con alici (pasta con olio d’oliva, aglio e acciughe). Come per tutto sulla tavola di Natale a Napoli, questo piatto combina specialità regionali come le acciughe con le graffette italiane di olio d’oliva e aglio.

Che sia celebrata in America o in Italia, la Festa dei Sette Pesci consente alle famiglie di riunirsi per un pranzo festivo e creare ricordi da assaporare durante tutto l’anno.

Posti correlati

La storia dietro il presepe del Vaticano

Vitalia Marcellina

8 piscine a Roma per fare il bagno

Vitalia Marcellina

Una guida alle migliori librerie di Roma

Vitalia Marcellina

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi rinunciare se lo desideri. Accetta Leggi tutto